Gian Vincenzo Gravina


Scopriamo insieme chi era Gian Vincenzo Gravina che ha dato il nome al nostro Istituto
      

       Personalità vigorosa, fu giurista, storico del diritto critico e autore di tragedie.

Nato a Roggiano presso Cosenza nel 1664, fu insieme a Crescimbeni  uno dei fondatori dell’Arcadia (accademia sorta a Roma nel 1690 con il fine di combattere l’artificiosità del Barocco).

      Allievo di Gregorio Caloprese, filosofo cartesiano, studiò diritto a Napoli e presto divenne giurista di grande fama. Trasferitosi a Roma nel 1686 cominciò a frequentare il salotto di Cristina di Svezia, alla morte di quest’ultima fondò l’accademia dell’Arcadia, dove assunse lo pseudonimo di Opico Erimanteo.
Contro la casistica e il probabilismo della dottrina e della morale gesuitica, imperanti a Roma, compose, con lo pseudonimo di Prisco Censorino il dialogo: “Hydra mistica sive de corrupta morali doctrina”.
      Nel 1692 scrisse  il “Discorso sull’Endimione”, opera del Guidi, in cui espose le sue idee sulla poesia, concepita come una sintesi di fantasia e ragione.

Di grande valore pedagogico sono le: “Nove orazioni”, tenute all’Ateneo romano, in cui Gravina esprime le sue idee sulle riforme in campo pedagogico.
      Nel 1699 ottenne la cattedra di diritto civile e dal 1703 quella di diritto canonico.

Nel
1711, in seguito a dei contrasti, si staccò dall’Arcadia e fondò l’accademia dei Quiriti.
Gli ultimi anni della sua vita li trascorse a Roma dedicandosi all’attività letteraria.
      Morì a Roma nel 1718, lasciando erede dei suoi beni Pietro Metastasio, da lui adottato nel 1710.


Photogallery

Propone tutta una serie di gallerie fotografiche, inerenti alle attività d'istituto dei ragazzi.
Entra

Viaggi d'istruzione

Per promuovere in concreto una cultura con rispetto della natura, dell'arte, della storia e delle tradizioni d'Italia e d'Europa e tutelare un patrimonio che è parte fondamentale delle nostre radici e della nostra identità.
Entra













Risorse